La premiazione di Franco Giraldi in onda su FUORI ORARIO

Franco Giraldi con il premio Anno uno_w.jpg

FUORI ORARIO continua l'omaggio a FRANCO GIRALDI!
In apertura di programma la premiazione del regista ai MILLE OCCHI con la consegna del premio ANNO UNO 2018 a FRANCO GIRALDI da parte di SENTA BERGER!


Ecco il programma completo della notte!

Sabato 6 ottobre RAI3 dalle 01.20 alle 6.00 
FRONTIERE E FOGLI DI VIAGGIO NEL CINEMA DI FRANCO GIRALDI
a cura di Paolo Luciani



Consegna del premio ANNO UNO 2018 a FRANCO GIRALDI ai Mille Occhi Festival del cinema e delle arti

QUATTRO STORIE DI DONNE - LUISA  

(Italia  1989 colore)     durata   82'30"

regia Franco Giraldi; soggetto  Ennio De Concini; sceneggiatura Cristina Comencini, E. De Concini; fotografia Dario Di Palma; montaggio Antonio Siciliano; costumi Francesca Morandini;  aiuto regia Marco Turco; scenografia Umberto Turco; organizzatore generale Sandro Amati; produzione Rai - S. Amati

con Senta Berger, Cristina Marsillach, Gianni Garko, Memè Perlini, Paolo Pietrangei, Sandro Genesi, Luciana Luciani

prima messa in onda su RaiDue 03/02/1989

"Un posto di responsabilità in banca, un ex marito simpatico, una nuova storia importante e una figlia di diciotto  anni: la vita di Luisa cambia improvvisamente ed inaspettatamente  quando scopre di essere lei nuovamente incinta, a quaranta anni...insieme alla notizia che anche la figlia è in dolce attesa. In solitudine e silenziosamente rinuncia alla nuova maternità..." (dal Radiocorriere)

 

 

IL LUNGO VIAGGIO terza puntata

(Italia 1975  colore)  durata  69'54"

regia Franco Giraldi; sceneggiatura Luciano Codignola, ispirata ai racconti IL SOSIA, MEMORIE DAL SOTTOSUOLO, UNA BRUTTA STORIA di Fedoer M. Dostoevskij  e scritti di Ivan Turghenev e di Aleksandr Herzen; collaborazione alla sceneggiatura F. Giraldi e Erika Szanto; fotografia Igor Sik, montaggio Gabriella Cristiani; musica Luis Bacalov; costumi Maria Hruby; scenografia Laszlo Duba; coproduzione Rai - Magyar Televizio Budapest, realizzata dalla AlFrau Cin.ca

interpreti principali: Jan Englert, Ivan Darvas, Flavio Bucci, Ottavia Piccolo, Glauco Mauri

Terzo episodio dello sceneggiato tratto da racconti dello scrittore Fedor Dostoevskij. E' l' alba e il villaggio della stazione di posta si sta risvegliando: la serenita', la ragione, la normalita' sembrano regnare. Il Conte puo' osservare con affetto i contadini al lavoro, puo' riflettere su un mondo di distensione. Sara' il Giornalista, ancora turbato e commosso, a riproporgli lo spinoso tema: se la follia sia il solo modo per uscire da una realta' insopportabile. L' aristocratico ribatte che, in fin dei conti, esiste ancora l' amore tra gli uomini, la solidarieta' nel dolore, la concatenazione dei destini. Il giornalista inizia, con sarcasmo, a raccontargli la seconda parte di Memorie del sottosuolo per dimostrare come l' infelicita' possa portare alla bonta', ma assai piu' spesso alla crudelta' e all' aggressione. Il protagonista, l' uomo del sottosuolo, viene visto durante un festino organizzato da alcuni suoi colleghi. Nel corso della cena, la goffaggine, la stranezza dell' uomo sono causa del suo inevitabile isolamento. Fra collera, ubriachezza e disprezzo, il nostro discute con gli altri ospiti: l' impossibile dialogo e' la sua stessa pena di vivere. I commensali si recano in un atelier di moda, che in realta' e' una casa di appuntamenti. L' uomo vi giungera' piu' tardi, da solo, dopo un tragitto in carrozza durante il quale fantastica di sfide e riconciliazioni. Nell' atelier deserto trova una sola ragazza, Liza. Smaltita l' ubriacatura, fa il moralista con la compagna, dipingendole le gioie di una vita regolare ed onesta, poi le da' il proprio indirizzo perche' venga da lui se vuole ritrovare se stessa. Quando Liza si decide a raggiungerlo, viene accolta dall' ospite con inaudita e disperata violenza. Tutto l' incontro, agitato da rimorsi, pianti, brutalita' e desiderio di purificazione, si conclude con la fuga di lei, con l' inutile tentativo dell' uomo di richiamarla. (da Il Radiocorriere )

 

EX JUGOSLAVIA - FOGLI DI VIAGGIO   seconda puntata  IDENTITA' DI FRONTIERA

(Italia   1994 colore)   durata 57'14"

regia   Franco Giraldi; a cura di Giacomo Gambetti; consulenza Ugo Pirro; fotografia Claudio Elena; montaggio Anna D'Amici

Puntata incentrata sulle vicende storiche della ex Jugoslavia prima e dopo la guerra. Testimonianze di cittadini sui rapporti tra Tito e Stalin, sul il grande esodo dall' Istria durante la seconda guerra mondiale., sulla pulizia etnica  e le sofferenze della popolazione

http://www.fuoriorario.rai.it/dl/portali/site/articolo/ContentItem-9ca786e0-995a-41ee-9793-bca0caa99916.html?refresh_ce



#IMilleOcchi #sentaberger #premiazione #fuoriorario #francogiraldi #premioannouno

 

imilleocchi newsletter

Tieniti aggiornato sulle nostre ultime novità!

Condividi contenuti