2021

Premio Anno uno - Sicilia!

Sicilia Straub.jpeg

Alle ore 18 ultimo appuntamento con il Premio Anno uno a Danièle Huillet e Jean-Marie Straub

Verrà proiettato il film Sicilia! (1998)

Il premio Anno Uno è assegnato, quest'anno, a Danièle Huillet (postumo) e Jean-Marie Straub, due dei maggiori cineasti della storia del cinema. Olaf Möller, direttore dei Mille Occhi e curatore dei quattro programmi a loro dedicati (a cui si aggiunge una postilla-omaggio su Fuori Orario, la notte del 26 marzo, su Rai3) li definisce un assioma del Modernismo: tutta l'arte del dopoguerra è impensabile senza il cinema di questa coppia di registi che tra il 1961 e il 2008 ha co-firmato esattamente trenta opere, di cui due sono state proiettate solo dopo la morte di Huillet, nel 2006. Straub, poi, ha proseguito da solo, ma non in solitaria: con lui collaboratori-amici, come Barbara Ulrich, Renato Berta, Christoph Clavert... Con il loro classicismo radicale diventato il punto più avanzato di tutte le avanguardie, Huillet & Straub sono sempre stati cari a I Mille Occhi, come un simbolo di tutto ciò in cui il festival non smette di credere. Per offrire un'idea della vastità e dell'abbondanza della loro ispirazione, abbiamo deciso di programmare, .

Totò all'inferno e Giulio Ferroni

TOTO' ALL'INFERNO.jpg

Chiude il percorso dantesco in occasione dei settecento anni dalla morte di Dante, un'opera di Camillo Mastrocinque. Appuntamento alle ore 21 al Teatro Miela con il film Totò all'inferno con un dialogo con il professor Giulio Ferroni ospite in sala. Personalità di grande rilievo della Letteratura italiana, professore emerito della Sapienza di Roma, è autore del libro L'Italia di Dante - Viaggio nel paese della «Commedia» con cui ha vinto il Premio letterario internazionale Viareggio Rèpaci 2020 (sezione Saggistica) e il Premio letterario internazionale Mondello 2020 (sezione Opera critica).

Totò all'inferno rappresenta la prima delle tante collaborazioni di Mastrocinque col comico napoletano. Caratterizzata da un'alternanza tra il bianco e nero della realtà e il colore dell'inferno, vede come coautore del soggetto lo stesso Totò.

Anton Germano Rossi chiude I Mille Occhi

4. AGRossi x Sito.jpg

La serata di sabato 26 marzo, ore 23, vede la proiezione dell'unico film da regista di A.G. Rossi, "Il ladro" (1939), supervisionato da Matarazzo e montato da Poggioli, tra i rarissimi casi di grottesco afascista nel cinema del Ventennio. Sopravvissuto incompleto di parte del sonoro, mentre di circa un quarto ne rimane solo la voce, il "controfilm" di Rossi è una farsa paradossale e rigorosa che mette in scena la vicenda kafkiana "al contrario" di un ladro che pretende di venir denunciato dall'uomo ordinario che ne ha sventato il borseggiamento, quando ormai la refurtiva è stata restituita e non vi sono più prove del furto. Anche tra le lacune del suo supporto, il film rivela Rossi come l'avanguardista segreto e raffinato che fu: protagonista pressoché unico di una via italiana al teatro dell'assurdo, adombrato dal coetaneo e più celebre Achille Campanile, instancabile animatore e fondatore di giornali, Rossi vantava un ingegno narrativo fuori dal comune e memore delle più radicali sperimentazioni futuriste, dalla cui dirompente "antinarrativa" prese poi forma la più popolare 

Ultima notte dei Mille Occhi! Fuori orario Rai 3

fianco.jpg

Ultima notte dei Mille Occhi questa di sabato 26 marzo! Fuori Orario presenta quattro film collegati ad altrettante sezioni del Festival: "Premio Anno Uno a Danièle Huillet e Jean-Marie Straub","Questi fantasmi: inediti e incompiuti di Giulio Questi" "Dante detour - deviazione per l'inferno", "Alberto Lattuada, viaggio nel corpo". Appuntamento dalle ore 1.20 su Fuori Orario Rai 3.


Pour Renato di Jean-Marie Straub (2015; 8') prima visione tv

L'uomo della sabbia di Giulio Questi (1979; 76')

Paolo e Francesca di Raffaello Matarazzo (1950; 91')

La freccia nel fianco di Alberto Lattuada (1944; 82')

Anton Germano Rossi su Film Tv

a g rossi.png

Roma, 1933. Al teatro Barberini va in scena la compagnia Za-Bum di Mattoli, con mattatori De Sica e Melnati. Rappresentano L'amore fa fare questo e altro del dirompente Achille Campanile, una commedia grottesca che già alla prima milanese, insieme allo sdegno della critica, aveva richiesto l'intervento dei carabinieri per contenere gli spettatori più ostili. Di come andò quella sera a Roma ne avrebbe invece scritto una delle più fertili riviste umoristiche del tempo, il "Marc'Aurelio", fucina creativa di molti dei futuri talenti del cinema italiano (da Steno a Metz, da Zavattini a Fellini). Il cronista non si preoccupa dei fischi e degli strilli di chi, a suo dire, doveva avere «un cervello ravvolto dalle soffici bende del "carino", del convenuto, del banale». No, rimane sconvolto dalla reazione atterrita degli attori. «De Sica e Melnati - scrive - si sono impressionati. Terrorizzati dall'idea di perdere il cioccolatino degli applausini con il quale il pubblico dei varietà li vizia da anni, hanno tentennato, sono impalliditi, hanno ripudiato autore e commedia, sono fuggiti, e sono ri[1]comparsi alla ribalta con un altro lavoro». Il pezzo s'avventa su De Sica, ritraendolo «pallido, curvo, ridere verde», supplicante il per

Boris Pahor

Boris Pahor con l'attrice Štefka Drolc ai Mille occhi 2016.jpg

Salutiamo commossi il grande scrittore Boris Pahor, che è stato anche uno degli ospiti più prestigiosi di una passata edizione del festival.

 

Boris Pahor con l'attrice Štefka Drolc ai Mille occhi 2016

 

 

 

Anteprima del festival

1000occhi dicembre22_small.jpg

Giovedì 29, alle ore 20.30, al Cinema Ariston, anteprima del festival I Mille Occhi di Trieste, con la presentazione di uno dei grandi capolavori di Valerio Zurlini, Il deserto dei tartari (1976), tratto da Dino Buzzati. 

Si tratta del secondo appuntamento di avvicinamento al festival, dopo la nottata di Fuori orario, su Rai3, dello scorso 23 settembre, in cui sono stati presentati preziosi materiali d'archivio relativi a Buzzati. 

È l'occasione, questa, per presentare al pubblico triestino la 21ª edizione (e la seconda del 2022) del festival fondato e presieduto da Sergio Grmek M. Germani e diretto da Olaf Moller e Giulio Sangiorgio, che si terrà dal 12 al 15 dicembre al Cinema Ariston di Trieste e il 16 dicembre online, con un'ulteriore coda televisiva su Fuori orario, su Rai3. 

Fulcro della proposta di questa edizione sarà la retrospettiva dedicata alla riscoperta dei film ispirati e tratti dal grande autore milanese Dino Buzzati, a 100 anni dalla nascita, il cui genio è omaggiato sin dalla locandina  della rassegna, illustrata dal noto fumettista Sergio Ponchione.

 

imilleocchi newsletter

Tieniti aggiornato sulle nostre ultime novità!

Condividi contenuti

Privacy Policy per i visitatori del sito

Secondo quanto previsto dalla Legge 124/2017, l'Associazione Anno uno rende pubblici online gli importi di natura pubblica ricevuti nel 2018.