• MICHELE ZANETTI_consegna premio Anno uno_ a Kostis Theos_s.jpg

    Si è conclusa giovedì 21 settembre l'edizione 2017 dei Mille Occhi Festival internazionale del cinema e delle arti, con la cerimonia di consegna del Premio Anno uno al cinema di Dimos Theos. Si è trattato di un inedito assoluto, scarsamente apprezzato in patria e del tutto sconosciuto all'estero, che si è rivelato ai Mille Occhi uno dei massimi registi della settima arte moderna: un cineasta affascinante capace di inventare il suo cinema rendendolo molto originale e immediatamente percepibile nella sua grandezza. Il presidente dell'associazione Anno Uno Michele Zanetti, ha consegnato il premio, lo specchio convesso dell'artista Stefano Coluccio, a Kostis Theos, figlio del regista e autore della colonna sonora del film vincitore Eleatis Xenos. Sono intervenuti i rappresentanti della Comunità greco-orientale di Trieste e della Fondazione ellenica di cultura e la professoressa Maria Teresa Bassa Poropat ex Presidente della Provincia, da sempre sostenitrice del festival.Il direttore Sergio M. Grmek Germani ha dichiarato la sua soddisfazione notando come l'attenzione del pubblico si stia rivolgendo sempre di più verso la personalità generale dei Mille Occhi rispetto alle singole

  • Stasera alle ore 20.45 - Premio Anno uno

    Eleatis Xenos: un capolavoro assoluto capace di aprire almeno mille occhi al mondo

  • danger route- locandina.jpg

     

    di Seth Holt, 1967, 92'

    Giovedì 21 settembre 2017, verso le ore 22:50, Trieste, Teatro Miela

    A chiudere in seconda serata questa sedicesima edizione dei Mille Occhi è lo stesso Gotico Errante che l'aveva aperta: il cineasta inglese Seth Holt con il film Danger Route che vede tra i suoi protagonisti una splendida Barbara Bouchet. Quest'anno infatti il primo e l'ultimo film compiuto di Seth Holt sono il primo e l'ultimo film proiettato al festival [...]

     

  • Cattura mod2.jpg

     

    di Dimos Theos, 1996, 130'

    Questa sera a partire dalle 20.45, al Teatro Miela di Trieste, sarà consegnato il Premio Anno uno 2017 al cinema del regista greco Dimos Theos, in presenza del figlio compositore Kostis Theos. A seguire, sarà proiettato il film vincitore "Eleatis Xenos", definito dal nostro direttore Sergio Germani un capolavoro assoluto "capace di aprire almeno mille occhi al mondo".

    Hanna Bluemart, studiosa di 24 anni, arriva ad Atene con il proposito di trovare suo padre. Scopre poco dopo che l'uomo che, secondo le indicazioni raccolte, era suo padre, è morto quattro giorni prima in circostanze misteriose. Hanna inizia a indagare le cause della morte [...]
  • la moglie più bella locandina.jpg

     

    di Damiano Damiani, 1969, 109'

    Giovedì 21 settembre 2017, ore 18:20, Trieste, Teatro Miela

    Damiano Damiani gira un film drammatico, ambientato in una Sicilia governata da mafia e omertà, dove regna l'istituto del matrimonio riparatore e le donne devono sottostare al volere degli uomini. Damiani mette alla berlina una consuetudine arcaica, nel 1970 ancora ben salda in Sicilia, basata sul fatto che la donna disonorata non avrebbe più trovato nessuno disposto a sposarla se non avesse acconsentito alle nozze riparatrici.

  • A CIASCUNO IL SUO locandina.jpg

     

    di Elio Petri, 1967, 99'

    Giovedì 21 settembre 2017, ore 16.30, Trieste,Teatro Miela

    Un film tratto dal romanzo di Leonardo Sciascia con la meravigliosa colonna sonora di Luis Enriquez Bacalov

    In un paese della Sicilia vengono uccisi due uomini: il farmacista Manno e il dottor Roscio. Le indagini della polizia concludono che gli assassini hanno agito per motivi di onore nei confronti di Manno e che Roscio è stato ucciso in quanto aveva assistito all'omicidio.
  • Signore_&_signori_attori nel film.jpg

     

    di PietroGermi, 1966, 118'

    Giovedì 21 settembre 2017, ore 14:30, Trieste, Teatro Miela

    Il magnifico Signore & signori in omaggio al grande attore che fu il recentemente scomparso Gastone Moschin: la pellicola, in gentile concessione dalla Cineteca Nazionale, verrà proiettato in copia 35mm. Il film, ambientato in una cittadina del Veneto, si articola in tre racconti il cui arco narrativo è ambientato in una cerchia di amici.

  • MV5BZDdlMTM3YTUtOWFmOC00MzFiLWJmMGYtNGY0NTJlMDgxMDkzXkEyXkFqcGdeQXVyMTM3MzUwOQ@@._V1_.jpg

     

    [TECHNE KAI POLITISMOS]

    di Dimos Theos, 1989, 37'

    Giovedì 21 settembre 2017, ore 13:00, Trieste, Teatro Miela

    La straordinaria e complessa figura del regista Stavros Tornes, amico e collaboratore di Dimos Theos fin dagli anni '60, viene tratteggiata, a pochi anni dalla sua scomparsa, grazie alla testimonianza dello stesso Theos. Il regista qui utilizza materiali di repertorio ed estratti di film [...]
  • 835786_IMG_9325.jpg

     

    di Dimos Theos, 1987, 120'

    Giovedì 21 settembre 2017, ore 11:00, Trieste, Teatro Miela

    Un ex diplomatico è alla ricerca di materiale per un libro che sta scrivendo sulla vita del capitano Meitanos, uomo ambiguo e misterioso vissuto nel 17° secolo, prima come guerrigliero contro i Turchi, poi come leader di bande clandestine sotto la dominazione turca e, in seguito, ucciso dopo un tentativo di rivolta.
  • Assicurasi vergine LOCANDINA 2.JPG

     

    di Giorgio Bianchi, 1967, 100'

    Giovedì 21 settembre 2017, alle ore 9.15, Teatro Miela, Trieste

    Commedia girata a Siracusa nel 1967 con un soggetto di cronaca vera, il film mette in rilievo in chiave ironica alcuni aspetti dell'animo siciliano e vi troviamo protagonista una giovanissima Romina Power, definita all'epoca una delle più promettenti attrici italiane.

    Una strana assicurazione viene stipulata in un paese della Sicilia da un padre oberato di debiti e un signorotto che vuol ora sposarne la bella e giovane figlia.
  • 21sett unico.jpg

     

    I Mille Occhi arrivano alla giornata conclusiva della sedicesima edizione e si preparano per la serata di consegna del Premio Anno uno a un grande cineasta del nostro tempo. Il premiato di quest'anno è il greco Dimos Theos con un cinema che unisce tutte le radici della Grecia classica allo sguardo più moderno e a cui il festival dedica una personale completa a cura della giornalista Cecilia Ermini.

  • Atollo K.jpg

     

    di Léo Joannon, 1951, 90'

    Mercoledì 20 settembre,ore 23:25, Teatro Miela, Trieste

    Stanlio e Ollio ricevono un'eredità da un vecchio zio, ma dopo aver pagato gli avvocati, le tasse e i bolli non restano che pochi biglietti da mille, un'isoletta nei mari del Sud ed un vecchio battello. Si recano così a Marsiglia per imbarcarsi sulla loro navicella e raggiungere l' isola. Durante il viaggio si ritrovano nel mezzo di una violenta tempesta che li getta su un atollo; qui con i resti della nave si costruiscono un riparo.

imilleocchi newsletter

Tieniti aggiornato sulle nostre ultime novità!

Condividi contenuti

Blog

Le novità e gli approfondimenti del festival!

www.milleocchisulfestival.tumblr.com